pavoncelle_diritt_famiglie

ARC Onlus e Ordine Assistenti Sociali della Sardegna organizzano il seminario

logo_pdfDiritti di Famiglie 2016

gender: che genere di discorso

I discorsi creano realtà multiformi, complesse, non sempre comprensibili, a volte contraddittorie. Oggi si parla molto di gender, ma cosa sia il gender o la teoria o l’ideologia del gender è tutt’altro che chiaro. Il seminario Diritti di Famiglie 2016 si propone di spiegare come, ignorando il patrimonio di conoscenze degli studi di genere, si sia arrivati a strumentalizzare una parola, ignota fino a qualche anno fa, per catalizzare paure e dubbi che fanno leva sull’ignoranza. Anche quest’anno Diritti di Famiglie si rivolge a chi lavora nel sociale, nella scuola e a chiunque voglia approfondire i temi che aiutano a confrontarsi con le nuove famiglie, ormai riconosciute in tutta Europa tranne che in Italia.

venerdì 22 gennaio 2016 dalle ore 14.15
Liceo Classico G. Siotto Pintor, viale Trento, 103 Cagliari

14.15 – laboratori* condotti da: Silvia De Simone, Diego Lasio, Daniela Putzu, Francesco Serri

15.15 – registrazione partecipanti (escluso partecipanti laboratori)

15.45 – saluti:

Carlo Cotza, portavoce Associazione ARC Onlus
Peppino Loddo, dirigente scolastico Liceo Classico G. Siotto Pintor
Angela Quaquero, presidente ordine degli Psicologi della Sardegna
Elisabetta Dettori, presidente Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari

16.15 – Prima parteDiscorsi sul genere

Introduzione e coordinamento: Diego Lasio, ricercatore in Psicologia Sociale, Università di Cagliari.

16.30 – Pia Brancadori, insegnante di Filosofia nel liceo De Sanctis, esperta in women’s studies – Gli studi di genere, cosa  hanno significato nella storia e la loro importanza nella costruzione della realtà di oggi.

16.45 – Francesco Serri, docente di Psicologia delle Relazioni Familiari, Università di Cagliari – Il genere: dalla riflessione teorica alla strumentalizzazione.

17.00 – Valentina Lai, attivista associazione Arc e dei diritti queer – Le linee guida dell’OMS sullo “standard per l’educazione sessuale in Europa” e le linee guida del MIUR sulla “buona scuola”.

[17.15 – pausa]

17.30 – Seconda parteIl gender colpisce ancora: storie di fobie e discriminazioni

Silvia de Simone, Famiglie Arcobaleno
Barbara Tetti, Movimento Omosessuale Sardo Sassari
Delia Fenu, presidente Agedo Cagliari
Giulia Balzano, Associazione Menabò – progetto Ci PiacCiAmo!
Daniela Putzu, psicologa, esperta in genere e relazioni familiari
Eleonora Puggioni presidente UniCaLGBT Cagliari

18.30 – Dibattito, domande, interventi dal pubblico; al termine, ritiro attestati

L’ingresso è libero e gratuito fino a esaurimento posti. Riconosciuti 4 crediti formativi dell’Ordine Assistenti Sociali. L’evento è a costo zero. Chiunque abbia prestato saperi e strumenti lo ha fatto per passione civica e scientifica.  * Segreteria organizzativa: info e iscrizioni ai laboratori a numero chiuso, max 40 persone, dirittifamiglie@libero.it

Per l’evento si ingraziano:  Ordine Assistenti Sociali della Sardegna,  Liceo Classico G. Siotto Pintor,  Ordine degli Psicologi della Sardegna,  CPO del Comune di Cagliari, Università di Cagliari.

testi di riferimento utilizzati:

judith butler Fare e disfare il genere

traduzione di Federico Zappino

http://mimesis-scenari.it/2015/01/31/judith-butler-fare-e-disfare-il-genere/

il sessismo nella lingua italiana logo_pdf

comunicato AIP logo_pdf

documento OMS  logo_pdf

documenti UNAR

scuola primaria logo_pdf

medielogo_pdf

liceologo_pdf

il genere una guida orientativa logo_pdf

protocollo 1972 MIUR logo_pdf

the genderbreadperson logo_pdf

Comments are closed.