arc_logo

Come previsto dallo Statuto, ieri, mercoledì 25 febbraio 2015, si è tenuto, presso la sede del Circolo “Sergio Atzeni” in via Puccini 51 (CA), l’Assemblea Straordinaria dell’Associazione Culturale ARC, che da più di 12 anni si occupa di difendere e promuovere su tutto il territorio dell’isola i diritti e la cultura delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e queer.

Durante l’Assemblea, presieduta dal fondatore e Presidente uscente Carlo Dejana, si è provveduto a formare la Segreteria del Congresso, composta da Barbara Putzolu e Andrea Ledda, e sono state approvate all’unanimità alcune modifiche formali dello Statuto (tra cui l’aggiornamento della sigla da “LGBT” a “LGBTQ“); è stata poi approvata la convenzione d’intenti con la neonata associazione Sardegna Queer e si è infine provveduto al rinnovo della cariche sociali. Erano candidati Luigi Cabras, Viola Cossu, Carlo Dejana, Francesca Loi, Paolo Murgia e Alessio Romagnani. Il nuovo Consiglio Direttivo, in carica fino al 2018, è formato da Carlo Dejana, Viola Cossu, Francesca Loi, Alessio Romagnani e Luigi Cabras. L’intera Assemblea ha dedicato un caloroso applauso a tutte/i le candidate e i candidati al Direttivo, indipendentemente dal risultato finale.

Carlo Dejana è stato poi, dallo stesso Consiglio Direttivo, riconfermato Presidente dell’ARC fino al 2018. Viola Cossu è stata invece nominata Prima Segretaria e Luigi Cabras delegato del Presidente in sua assenza o in assenza della Prima Segretaria. Sono stati indicati, come membri esterni non votati, anche Marco Cocco (Tesoriere) e Carlo Cotza (Portavoce). Alle riunioni del Consiglio Direttivo parteciperanno inoltre, come invitati permanenti non votanti, Andrea Hellies, Presidente del Circolo del Cinema FICC ARCinema, Igor Deiana, Presidente dell’Associazione Studentesca universitARC e Francesco Bacciu, Presidente dell’Associazione Sardegna Queer.

L’Associazione, che è in continua crescita e nei primi due mesi del 2015 ha già superato la soglia di 200 tessere annuali, è ora pronta per gli imminenti appuntamenti della primavera: il varo dello sportello pubblico di accoglienza, informazione e ascolto sulle tematiche LGBTQ; la settimana di iniziative dedicate alle tematiche femminilii e lesbiche, a fine marzo; la Queeresima e il Sardegna Pride 2015, insieme a decine di altre associazioni e realtà in tutta la Sardegna.

ARC