malattie

L’Associazione Culturale ARC esprime piena solidarietà e vicinanza nei confronti del MOS Movimento Omosessuale Sardo di Sassari e, in particolare, alla sua Presidente, Barbara Tetti.

L’inchiesta dell’agosto scorso della testata online “MOSinforma” e la denuncia del MOS ai NAS sulla precaria situazione igenico-sanitaria della Clinica di Malattie Infettive dell’Università di Sassari sono servite a mettere in luce l’imbarazzante situazione in cui quel fondamentale servizio per la città si trovava, ma è evidente che la soluzione definitiva si avrà soltanto con il trasferimento nella nuova clinica in costruzione.

Per aver dichiarato questo a mezzo stampa, e per aver denunciato il colpevole ritardo che, a tutt’oggi, non ha ancora permesso il trasferimento, Barbara Tetti e tutto il Movimento sono stati denunciati e dovranno subire un processo, per altro presso il Tribunale di Cagliari.

È sconcertante che un’associazione che da più di vent’anni si occupa sul territorio regionale di lotta alle MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili), prevenzione e supporto ai malati, invece di trovare al proprio fianco le istituzioni (con cui, per altro, ha collaborato così a lungo), venga denunciata per essere stata ancora una volta al servizio dei pazienti e aver reso pubblica quella situazione indecorosa.

Non possiamo che augurarci che la denuncia, frutto di un superabile malinteso, venga ritirata quanto prima da parte della Clinica Malattie Infettive, in modo tale che il MOS possa riprendere a tempo pieno ad occuparsi, insieme all’ARC e alle tante altre realtà sarde, dei diritti e del sostegno delle persone della comunità lgbt isolana.

Carlo Dejana
Presidente ARC
Associazione Culturale LGBT Cagliari