quasi_completo

Il 28 giugno 1969, a New York, per la prima volta, lesbiche, gay e trans presenti nel locale Stonewall Inn si ribellarono all’ennesima incursione persecutoria delle forze dell’ordine, con una rivolta di strada che durò tre giorni e tre notti. I Pride che si celebrano ogni anno in tutto il mondo sono il ricordo di quella rivolta, ma anche tanto di più: Pride significa Orgoglio, che è per noi orgoglio di esistenza, di ciò che siamo e vogliamo essere, orgoglio di essere lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender, intersessuali, queer, orgoglio delle differenze di ogni individualità. Il rispetto delle differenze non può che passare per un percorso orgogliosamente antifascista, antirazzista e antisessista, perché nessuna persona è libera finché delle altre sono oppresse. Il Pride è un forte spazio di visibilità, importante non solo per le persone lgbtiq: la libera espressione di desideri e identità è un obiettivo e una conquista per tutte e tutti.

Visibilità è per noi sinonimo di riconoscimento sociale, è un percorso che costruiamo quotidianamente, nelle città come nei paesi, dove spesso la mancanza di visibilità può portare all’isolamento, a situazioni di ricatto sul posto di lavoro, all’adeguamento al sistema eterosessista che norma le nostre vite, i nostri corpi, i nostri desideri. Il coming out è per noi una forte pratica di affermazione ed autodeterminazione. Parliamo di autodeterminazione come spazio di autonomia dei corpi e delle diverse sessualità, autodeterminazione dei singoli individui così come delle collettività, ché solo individui autodeterminati possono costituire comunità autodeterminate. Autodeterminazione è poter scegliere e decidere chi vogliamo essere, riconoscendo le sovrastrutture, categorizzazioni, divisioni sociali e culturali (sia esterne che interne alla nostra cultura di origine, quella sarda), che ci determinano secondo il binarismo di genere come “uomini e donne” e ci incasellano, ci normano e normalizzano; è riconoscere il sessismo che ci attraversa e imparare, anche giocosamente, a decostruirlo inventando immaginari nuovi; è poter scegliere chi amare/con chi avere relazioni amorose/sessuali; è poter scegliere se volere essere o meno genitore (al di là quindi della genitorialità indotta quale obbligo sociale ma anche delle leggi restrittive che vorrebbero impedirci di avere accesso alla genitorialità stessa); è scegliere di avere una famiglia e/o di coltivare nuove forme di relazione e socialità, sottraendo le nostre esistenze alla logica della coppia come unico e solo spazio di felicità e di relazione.

Sabato 29 giugno: il Cagliari Pride diventa Sardegna Pride. L’Isola unita porta avanti le battaglie a difesa della comunità lesbica gay bisessuale transessuale, transgender, intersessuale e queer.

  • l’omofobia e la transfobia vengano finalmente ricondotte a un crimine di odio, e non restino nella sfera delle opinioni personali;
  • le famiglie possano essere libere e tante, attraverso il riconoscimento di tutte le forme di convivenze e del matrimonio tra omosessuali;
  • l’adozione non sia più un tabù, ma il diritto dei figli ad avere una famiglia;
  • il sessismo e il femminicidio possano essere prevenuti con azioni concrete di contrasto alla violenza;
  • il procedimento per la riattribuzione del sesso e del cambiamento del nome possa essere semplificato come in altri paesi europei.

Su 28 de lampadas de su 1969, in Nova York, po sa prima orta, lesbicas, gay e trans chi fini presentes in su locale Stonewall Inn si fini bortados contra a unu de sos medas atacos de sa justissia, cun d’una briga in sas carreras chi fit durada tres dies et tres notes. Sos Pride chi si fachent onzi annu in totu su mundu sunt s’amentu de cussa rivolta, ma fintzas meda de prus: Pride cheret narrere Orgogliu, chi po nois est orgogliu de esistentzia, de su chi semus et de su chi cherimus essere, orgogliu de essere lesbicas, gay, bisessuales, transessuales e transgender, intersessuales, queer, orgogliu de sas diferessias de onzi individualidade. Su rispetu de sas diferentzias non podet che colare po unu percursu orgogliosamente antifascista, antiratzista e antisessista, ca manc’una pessone est libera fintzas chi sas ateras sunt oprìmidas. Su Pride est unu locu de visibilidade manna, importante non solu po sas pessones lgbtiq: sa libera espressione de sos disizos e de sas identidades est un obietivu e una conchista po totus.

Sa Visibilidade po nois cheret narrere riconoschimentu sotziale, est unu caminu chi fraigamus donzi die, in sas tzitades comente in sas biddas, inube sa mancantzia de visibilidade podet jughere a s’isolamentu, a situatziones de ricatu in su logu de su tribagliu, a s’adeguamentu a su sistema eterosessista chi regulat sas vidas nostras, sas carenas nostras, sos disizos nostros. Su coming out (su de “essire a foras” e si fagher bidere e connoschere comente pessones lgbtiq) est po nois una pratica forte de a simponnere e de autodetzisione, de autodeterminatzione. Faeddamos de Autodeterminatzione comente locu de libertade de sas carenas e de sas sessualidades diferentes, autodeterminatzione de onzi pessone comente de sas collettividades, puite solu  pessones autodeterminadas podent fromare comunidades autodeterminadas. Autodeteminatzione est a podere chirrare e detzidere su chi cherimus essere, riconnoschinde sas subraistruturas, categorizaztiones, divisiones sotziales e culturales (siada esternas che internas a sa cultura originale nostra, cussa sarda), chi nos definini sigunde sos duos binarios de su genere comente “omines e fèminas” e nos incasellana, nos dana sa regula e nos normalizana; est riconnoschere su sessismu chi nos passada e imparare, peri comente chi siad unu jocu, a lu distruere inventade imaginarios noos; est a podere chirrare chie amare/chin chie podere tennere relatziones de amore/sessuales; est a podere chirrare de essere o nono babos e mamas (superande duncas su chi nos imponene comente obrigu sotziale ma fintzas sas leges restritivas chi nos diant cherrere proibire de lu poder essere); est a chirrare de tennere una familia e/o de cultivare fromas noas de relatzione e sotzialidade, bogandeche sas esistentzias nostras dae sa logica de sa coppia comente unicu logu de felicidade e de relatzione.

Sapadu 29 de lampadas: su Casteddu Pride diventada Sardigna Pride. S’Isula unida jughede a dainnantis sas batallias po difendere sa comunidade lesbica gay bisessuale transessuale, transgender intersessuale e queer.

  • s’omofobia e sa transfobia benzan finalmente ricondotas a unu crimine de odiu, e no abbarrene in su locu de sas opiniones personales;
  • sas familias potana essere liberas et medas, colande po su riconnoschimentu de tou sas fromas de conviventzias e de su coju tra omosessuales;
  • s’adotzione non siat prus unu tabù, ma su diritu de sos fizos a tennere una familia;
  • su sessismu e su fèminicidiu potan essere prevenìdos chin atziones cuncretas de cuntrastu a sa violentzia;
  • su procedimentu po sa riatributzione de su sessu et su cambiamentu de su nomene potat essere semprificadu comente in ateros locos de s’Europa.

Sardegna Pride 2013