Comunicato stampa approvazione registro unioni civili Comune di Cagliari

Comunicato stampa approvazione registro unioni civili Comune di Cagliari

L’associazione culturale ARC, dopo dieci anni di impegno e di attivismo sul fronte dei diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender, apprende con grande soddisfazione l’approvazione del registro delle unioni civili e delle convivenze da parte del Consiglio Comunale di Cagliari.

Alla vigilia del primo Pride della Sardegna, Cagliari dimostra di essere una città che vuole davvero svoltare pagina e, in attesa di leggi nazionali che riconoscano una reale ed effettiva parità di tutte le cittadine e di tutti i cittadini, si allinea all’esperienza di tante altre città italiane ed europee.

Nonostante le polemiche scatenate da sparute realtà intolleranti e retrograde, il Sindaco e il Consiglio di Cagliari hanno dimostrato di voler tener fede al programma presentato agli elettori ormai un anno fa. Consapevoli che si tratta solo di un primo, per quanto importante, passo e che tanti altri dovranno seguire nella strada della piena parificazione e del riconoscimento, siamo fiduciosi che l’Amministrazione proseguirà con tutti gli atti concreti necessari per un reale ed equo ampliamento dei diritti.

Ottenuto questo bel risultato, ARC è ancora più felice di celebrare con tutta la cittadinanza di Cagliari il primo Pride della città, dando a tutte e tutti appuntamento sabato 30 giugno alle ore 16,30 alla prima fermata del Poetto!

ARC
Associazione culturale GLBT
Cagliari

2 commenti

  1. A me sembra che l’istituzione di questo registro sia solo un gran trovata pubblicitaria del governo di centrosinistra che forse non avendo nula di nuova da dire scopre l’acqua calda!!!!! Infatti il Regolamento anagraficoDPR 30/5/89 n.223 “Approvazione del nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente”
    all’ Art.4 Famiglia anagrafica prevede che: 1. Agli effetti anagrafici per famiglia s’intende un insieme di persone legate da vincoli di
    matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune.
    Per cui mi domando cosa si è inventato di nuovo?????? Secondo me nulla!!!!!!!!.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.